I RISULTATI DELL’ ANALISI

La fase preliminare è stata dedicata all’analisi di alcuni indicatori relativi alle condizioni oggettive di lavoro che possono favorire o meno l’insorgere di stress da lavoro-correlato. In fase successiva è stata fatta una valutazione integrativa, attraverso interviste individuali a un campione rappresentativo di lavoratori, con lo scopo di esplorare le diverse variabili con chi “è sul campo”.

Tutti i lavoratori coinvolti nel processo di valutazione si sono dimostrati disponibili e hanno supportato l’analisi facilitando il lavoro del team di professionisti coinvolti.

In generale, il contesto lavorativo del Gruppo Cereal Docks si presenta come dinamico, in rapida crescita, giovane e motivato. Nonostante alcune condizioni oggettive di lavoro, in particolare in alcune aree, possano incrementare l’insorgere di stress lavoro-correlato, l’engagement, l’impegno e la dedizione dei lavoratori stessi, fanno sì che le persone affrontino la quotidianità lavorativa con entusiasmo, disponibilità e fiducia nel continuo miglioramento. Questi valori rappresentano una rassicurazione di fronte alla variabilità dei mercati e settori di riferimento dell’azienda, stimolando il cambiamento nelle persone e favorendo l’adattamento positivo al contesto.

E’ stato rilevato un forte senso di appartenenza e un atteggiamento di fiducia verso la proprietà e il management che rappresentano elementi di sostegno organizzativo a favore del benessere dell’intera popolazione aziendale.

Tra gli indicatori oggettivi analizzati, emerge il dato relativo alla percentuale di ferie non godute, che risulta in tutte le sedi come un elemento da monitorare e tenere sotto controllo. Per questa tematica, l’Ufficio Risorse Umane ha già attivato le necessarie azioni correttive.

L’azienda investe in sicurezza e formazione tecnica del personale e sta organizzando altre iniziative volte a rafforzare lo spirito di gruppo e coinvolgere i lavoratori in attività legate allo sviluppo di soft skills.

Complessivamente, gli indicatori analizzati riportano i seguenti risultati:

Tutte le aree registrano risultati positivi e spesso riflettono gli interventi di miglioramento che l’azienda sta apportando. Anche il valore riportato sulla dimensione “Conflittualità” non è preoccupante, in virtù delle azioni che il management attua per supportare i lavoratori nell’individuare soluzioni ai problemi, come testimoniato dai dipendenti coinvolti nelle interviste. Oltre alle variabili relative a ciascuna delle dimensioni del “benessere organizzativo”, sono stati rilevati altri due gruppi di indicatori utili a comprendere il sentiment aziendale. Si tratta di “indicatori positivi” e “indicatori negativi”.

In conclusione, l’analisi del livello di stress percepito dai lavoratori è sulla soglia dell’eu-stress (o stress positivo). Si evidenzia inoltre che la struttura è in grado di fronteggiare le situazioni di criticità e che sono stati attivati una serie di interventi finalizzati al benessere lavorativo.

Camisano Vic.no 15/06/2018

Dott.ssa Lisa Dal Castello

Psicologa del lavoro e delle organizzazioni