Tre nuovi progetti innovativi per un valore di oltre 6 milioni di euro ciascuno, volti a rilanciare l’economia veneta del post-coronavirus. Gli accordi di programma per il finanziamento agevolato dei progetti di ricerca sono stati formalizzati martedì 9 giugno dalla Giunta Regionale del Veneto, come parte delle misure assunte nell’ambito del piano “Ora, Veneto!”, messo in campo dall’assessorato allo sviluppo economico e dell’energia della Regione.

Le aziende partecipanti potranno accedere ai co-finanziamenti previsti dal Fondo Crescita Sostenibile, che prevede un contributo da parte del MISE e un finanziamento agevolato da parte della Regione che farà leva su Veneto Sviluppo per facilitare l’avvio di progetti di ricerca in grado di portare ricadute positive per settori economici strategici per l’economia veneta.

Tra i progetti approvati anche quello presentato da Cereal Docks S.p.A, dal titolo: “Studio e validazione in ambito operativo di nuovi ingredienti funzionali per applicazioni FOOD e FEED” dedicato allo studio e allo sviluppo di nuovi bio-processi di maltazione/estrusione/fermentazione applicati sia a matrici tradizionali come orzo, mais, grano, soia, colza o pisello proteico, sia a matrici emergenti come grano saraceno, camelina, miglio e avena.

Un’iniziativa che vale circa 6.559.000 dei quali 1.800.000 euro di contributo dal MISE e circa 328.000 euro di finanziamento agevolato regionale. “In questo momento questa iniziativa vale doppio – ha commentato l’assessore allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato – sono finanziamenti importanti che garantiscono l’avvio di progetti essenziali al rilancio di interi settori economici. Progetti che assumono una valenza fondamentale, e sono emblematici del rilancio dell’intera economia veneta nel post-coronavirus”.

Leggi l’articolo su Il giornale di Vicenza