L’Unione Europea istituisce la Giornata europea per l’agricoltura biologica: da quest’anno il 23 settembre è ufficialmente dedicato a questo comparto dell’agricoltura in rapida crescita, grazie al forte interesse dei consumatori per questo tipo di prodotti.

L’annuncio è stato dato dal Commissario Ue all’agricoltura Janusz Wojciechowski, il presidente di turno del Consiglio Ue agricoltura Joze Podgoresk e l’europarlamentare Benoit Lutgen. Si tratta di un’iniziativa che dà seguito al piano d’azione per lo sviluppo della produzione biologica, adottato dalla Commissione il 25 marzo 2021, che annunciava l’istituzione di tale giornata per migliorare la sensibilizzazione sulla produzione biologica.

Il Piano d’azione sul biologico mette a disposizione di tutti gli Stati membri una serie di strumenti utili per sostenere e promuovere la transizione verso modelli più sostenibili dell’agricoltura europea anche grazie a misure di supporto al biologico da inserire nei Piani strategici nazionali della PAC.

La giornata dedicata al biologico diventa così l’occasione anche per fare il punto sulla crescita del settore, che in Italia ha fatto registrare un incremento come superfici coltivate del + 5,1%, dei consumi interni al + 5% e dell’export di prodotti bio Made in Italy del + 11%. Il nostro Paese si piazza al primo posto in Europa e secondo al mondo nell’esportazione di prodotti biologici, con oltre 2,6 miliardi di euro, circa il 6% di tutto l’export agroalimentare nazionale (dati Fibl & Ifoam, 2021).

Cereal Docks Group ha affidato lo sviluppo del business nel mercato biologico alla società controllata Cereal Docks Organic, che nel suo stabilimento a Roverchiara in provincia di Verona, dedicato alla produzione di oli vegetali e panelli proteici da agricoltura biologica, realizza l’intero ciclo di trasformazione dal seme al prodotto, a garanzia della completa integrazione della filiera biologica.

La notizia è stata appresa con grande soddisfazione dal team di Cereal Docks Organic: “siamo felici che le istituzioni europee abbiano deciso di dedicare la giornata del 23 settembre all’agricoltura biologica perché in questo modo vengono riconosciuti i benefici della produzione biologica verso l’ambiente, il clima, la biodiversità e il benessere degli animali. Per noi lavorare nel settore biologico vuol dire innanzitutto mettere a disposizione l’esperienza e la solidità del nostro Gruppo per valorizzare il lavoro degli agricoltori, i nostri partner principali. Ciò significa investire in qualità e innovazione, aderire agli standard internazionali più elevati di sicurezza alimentare e, come ulteriore garanzia di trasparenza, applicare sistemi di tracciabilità ‘rinforzata’ alle nostre filiere biologiche, per la totale integrazione di tutte le fasi produttive, dal campo al prodotto.”