Venerdì 17 aprile, Cereal Docks Group ha patrocinato l’assemblea annuale di ANBI, l’Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani. L’evento si è svolto interamente in streaming e ha visto il collegamento di oltre 700 partecipanti da tutta Italia. È stata l’occasione per rimarcare, in questo momento di difficoltà e incertezza globale, l’importanza della ricerca e dell’innovazione, strumenti fondamentali per gestire le sfide del presente e quelle che ci riserva il futuro.

Rivolgendosi in particolare a quella parte di pubblico composta da giovani laureandi e neolaureati, la nostra Maria Grillo, del team Ricerca e Innovazione, ha preso la parola per un focus sul ruolo delle biotecnologie in un’azienda della filiera agroalimentare come Cereal Docks Group, dove le soluzioni biotech giocano davvero un ruolo chiave al servizio dell’innovazione per implementare la qualità e la sostenibilità delle filiere agroalimentari ottenendo prodotti eco-compatibili da destinare alla nutrizione umana ed animale, all’ambito cosmetico e nutraceutico, fino alla green chemistry.

Un’opportunità per i talenti del biotech è anche data dalla nuova edizione del progetto Campus, l’iniziativa organizzata da Cereal Docks Group e patrocinata da ANBI che offre ai laureandi in biotecnologie di svolgere la propria tesi sperimentale in azienda, su uno dei temi di interesse per il Gruppo. Gli argomenti di quest’edizione sono la chimica verde e le proteine alternative. È possibile candidarsi entro il 31 luglio scrivendo una mail a campus@cerealdocks.it.

Infine, durante l’evento è stata presentata anche la seconda edizione del Concorso BiotechJob dedicata al ruolo dei biotecnologi nell’emergenza. Con il fine di valorizzare la professione del biotecnologo, l’iniziativa invita a raccontare attraverso immagini, illustrazioni o video il ruolo che i biotecnologi hanno nella prevenzione, gestione e risposta alle emergenze. In palio per i finalisti una visita dall’interno delle aziende partner (Cereal Docks Group e Copan Group), mentre i vincitori avranno la possibilità di accedere ad un corso di alta formazione offerto dai partner formativi (Consorzio Italbiotec e Science Draw Graphic). Clicca qui per scoprire come partecipare ed entro quando candidarti.

Domenica 19 aprile, dalle pagine del quotidiano Avvenire Mauro Fanin, Presidente del Gruppo Cereal Docks, è intervenuto per approfondire le conseguenze portate dalla pandemia di Covid-19 sul mercato cerealicolo e dei semi oleosi globale.

Continua

Cereal Docks Group Lab centro di eccellenza per la qualità e l’innovazione del Gruppo Cereal Docks, ha ottenuto l’accreditamento secondo la norma ISO 17025 rilasciato da Accredia, ente unico designato dal governo italiano e sottoposto alla vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico, che ha il compito di attestare la competenza, l’indipendenza e l’imparzialità dei laboratori di prova e degli organismi di certificazione.

Continua

Ammonta a 13,8 milioni di euro (dato aggiornato a venerdì 27 marzo) la raccolta fondi destinata alla sanità della Regione Veneto, impegnata nella lotta quotidiana al Coronavirus. Anche Cereal Docks ha deciso di partecipare per sostenere gli ospedali e le terapie intensive che accolgono i pazienti più gravi.

Continua

In seguito all’emanazione del DPCM datato 22 marzo 2020, desideriamo confermare il proseguimento della produzione e delle forniture di prodotti da parte delle aziende e degli stabilimenti del Gruppo Cereal Docks. Continua

Tutte le attività produttive, lavorative e logistiche del Gruppo Cereal Docks continuano in modo regolare.

Continua

Dalle Marche alla Lombardia passando per il Veneto e l’Emilia-Romagna: un viaggio in sei tappe per presentare al mondo agricolo (cooperative, organizzazioni di produttori, consorzi, aziende) le potenzialità e le opportunità delle filiere del girasole italiano, dal convenzionale all’alto oleico fino al biologico.

Continua

80 mila i chilometri percorsi e 12 i Paesi visitati: un’intensa attività di scouting internazionale ha portato alla selezione delle 9 startup del settore Food, che nelle prossime 15 settimane faranno base a Milano per un percorso di incubazione volto allo sviluppo di 9 progetti pilota.

Si tratta della seconda edizione del Food Tech Acceletor, il programma annuale che vede Cereal Docks Group corporate partner insieme ad Amadori, Birra Peroni e COPROB Italia Zuccheri, con il coordinamento di Deloitte Officine Innovazione.

Le 9 startup, selezionate tra oltre 600 candidature, provengono da Hong Kong, Italia, Israele e Canada e nelle prossime settimane avranno l’opportunità di collaborare con i corporate partners per definire le strategie di go-to-market, di internazionalizzazione, i piani per lo scale-up industriale e lo sviluppo dei propri prodotti. Il programma di accelerazione culminerà con il DemoDay, in programma a maggio a Milano. Durante l’evento, le startup si presenteranno ad una community di investitori: sarà proprio qui che i risultati dei progetti pilota verranno svelati al mercato.

«Questo acceleratore è una bella occasione di fare rete con importanti aziende del settore agroalimentare, in una Milano che è il centro dell’innovazione italiana – afferma Giacomo Fanin, Business Developer del Gruppo Cereal Docks -. Grazie a questo programma, prende forma un sistema che valorizza le start up italiane e ne porta in Italia anche di estere, cosa inusuale. Quindi riusciamo a fare un’open innovation davvero “open”, senza confini».

Un’apertura che prima di tutto deve essere compresa all’interno dell’azienda, a tutti i livelli: «L’acceleratore è per noi un’importante iniziativa di open innovation, paradigma che in azienda abbiamo adottato da tempo. Saper dialogare con stakeholders di natura diversa, come startup, centri di ricerca, università, aziende su scala globale, ci permette di mantenere la mente fresca e nutrire le idee, godendo di punti di vista sempre nuovi e puntuali per comprendere i nuovi trend del mercato. Siamo molto soddisfatti delle startup che partecipano a questa seconda edizione dell’acceleratore. I loro profili sono promettenti, li abbiamo scelti sulla base dell’idea innovativa e dell’adesione ai trend globali come economia circolare, packaging sostenibile, agritech, ingredienti innovativi e miglioramento dell’esperienza di acquisto».

Tra le 9 selezionate, Cereal Docks Group seguirà nello specifico il percorso di 3 startup israeliane, che più delle altre hanno profili coerenti con gli ambiti di ricerca già in essere in azienda: Agritask avrà l’opportunità di testare sui campi la sua piattaforma di gestione agronomica, un sistema agritech che agevola le operazioni delle aziende agricole migliorandone le performance in una logica di efficienza e tracciabilità; nell’ambito della ricerca di proteine alternative a quelle di derivazione animale, Innovopro metterà a punto il suo concentrato di proteine a base di ceci, che ha un alto valore nutrizionale, non è OGM, non ha allergeni, ed è adatto a varie applicazioni, dalla maionese al gelato vegano; infine, Equinom si dedicherà al suo business model. La startup sviluppa e seleziona le sementi ottimali in base alla destinazione d’uso che la materia prima agricola deve avere e del profilo nutrizionale che si vuole ottenere.

Da tre anni Cereal Docks dedica il 7 febbraio al Safety Day, una giornata per riaffermare l’importanza della sicurezza sul lavoro, un momento di riflessione e di condivisione, simbolicamente celebrato nel giorno del grave infortunio occorso nello stabilimento di Camisano nel 2017.

Continua

Verona, 31 gennaio 2020. “Innovazione, ricerca e formazione sono le parole chiave per il futuro dell’agricoltura italiana che si trova già ora ad affrontare grandi sfide, a partire dal cambiamento climatico fino alla sicurezza alimentare, dalla globalizzazione che riduce i margini di reddito delle imprese fino al riconoscimento della giusta remuneratività delle filiere produttive, sostenute anche dal ministero con uno stanziamento di oltre 300milioni di euro”.

Continua