La società è pronta a ripartire con una nuova denominazione sociale: “Camisano Calcio 1910” e un nuovo logo societario, svelato durante la presentazione della prima squadra.

Una vera e propria svolta quella impressa dal Presidente Mauro Fanin, attraverso cui donare alla squadra un’anima ancora più legata a Camisano Vicentino, al suo territorio e alla sua storia. La nuova società calcistica del Paese cambia nome: si chiama “Camisano Calcio 1910”, con un nuovo logo a simboleggiarla e una nuova maglia, mantenendo però la stessa voglia di sempre di emergere e di dare il massimo in campo per raggiungere obiettivi sempre più importanti.

Martedì 28 luglio 2020 è stata ufficialmente presentata, alla presenza dei dirigenti e del sindaco di Camisano Renzo Marangon, la prima squadra della società, autrice lo scorso anno di un ottimo campionato disputato in Eccellenza. Una squadra giovane e motivata che darà spazio e fiducia ai ragazzi che nel corso degli anni sono cresciuti nel vivaio giovanile della società. Una grande responsabilità per loro, che tutta la squadra onorerà nel migliore dei modi: lavorando con impegno e passione per coronare i sogni di inizio stagione.

Valorizzare il settore giovanile rimarrà l’impegno più importante per il Camisano Calcio che vanta da tempo un incremento continuo di ragazzi in abbinamento agli ottimi risultati conseguiti a livello sportivo. Il vivaio sarà seguito anche quest’anno da Luca Di Massimo, già al lavoro per cercare di elevare qualità, continuità ed entusiasmo a tutto l’ambiente. Rinnovato invece il ruolo di direttore sportivo, che sarà svolto da Enrico Nardi, figura ben conosciuta nell’ambiente calcistico camisanese. Nardi succede alla figura storica Mirko Bagnara, che ha ricevuto il plauso di tutti per l’incredibile lavoro svolto in questi 10 anni, sia sotto il profilo calcistico che umano, coronati da tanti successi e dalla cavalcata del 2019 che ha portato la prima squadra in Eccellenza.

“Con questa veste rinnovata il Camisano Calcio 1910 è pronto a ripartire – ha spiegato, motivando i suoi, il Presidente Fanin – carichi come sempre di forti motivazioni e di una sincera passione sportiva e agonistica. Nella prossima stagione proveremo ad alzare ancora una volta l’asticella, per raggiungere nuovi sogni e obiettivi, senza mai accontentarsi dei risultati e lottando con tutte le nostre forze. Perché i grandi traguardi, i sogni che a prima vista sembrano impossibili, iniziano sempre dentro ognuno di noi, dalla nostra tenacia e dalle nostre motivazioni”.

“Questa sarà una vera e propria ‘ripartenza’ – ha affermato il neo-direttore sportivo Enrico Nardi – in annata calcistica del tutto anomala, sfalsata dallo stop forzato durante il lockdown. Da parte nostra, siamo consapevoli delle sfide che ci attendono e che richiederanno tanto lavoro, ma che dobbiamo affrontare con consapevolezza delle nostre potenzialità”.

“Camisano Calcio è una realtà importante per il nostro territorio – ha affermato il Sindaco di Camisano Renzo Marangon – perché da sempre privilegia l’attività sportiva come momento di aggregazione, di partecipazione alla vita sociale, di formazione personale e collettiva. In questo senso, è protagonista della comunità camisanese, che si distingue per la ricchezza e l’articolazione del mondo associativo: ben 75 realtà attive nel nostro Comune. Ringrazio il Presidente Fanin, la dirigenza, i giocatori e le famiglie per il contributo che continuano a dare in termini di inclusività sociale”.

Il tema dell’inclusività, d’altra parte, è ben simboleggiato nel nuovo logo della società che raffigura due sezioni di cerchio aperte in una sorta di abbraccio che evoca un senso di protezione ma anche di accoglienza e apertura. La tradizione e la storicità della società sono richiamate dalla “Stella di Bronzo al Merito Sportivo” concessa dal CONI nel 1991 per gli 80 anni di fondazione. Nel 1993, la società è stata premiata dalla FIGC con l’onorificenza di “Benemerenza Sportiva”. Una storia che continua con sempre nuovi traguardi a cui guardare.

Clicca qui per leggere l’articolo dedicato da Il Giornale di Vicenza alla presentazione della nuova stagione