ANEW 2019: focus su sostenibilità e qualità

“Ritorno alla terra”: è con questa volontà che Cereal Docks rilancia il suo impegno nelle filiere sostenibili, rinnovando l’alleanza con il protagonista dell’agricoltura di qualità e attenta all’ambiente: l’agricoltore. Per questo è importante dargli un’identità, valorizzare il suo lavoro, la sua esperienza e soprattutto la capacità di prendersi cura della terra, della fertilità del suolo, della difesa degli equilibri idro-geologici e della biodiversità.

Charlie Chaplin ci ha lasciato parole illuminanti: “la semplicità non è una cosa semplice”. È proprio così: spesso dietro alla semplicità ci sono ragionamenti complessi e processi sofisticati. Questo vale anche per Cereal Docks e per il suo impegno nell’ambito della sostenibilità, uno dei ‘grandi’ temi che ricorrono nei convegni, in televisione, nella pubblicità. Ma che cosa c’è, nel concreto, dentro alla parola sostenibilità?

In questo numero di ANEW, il nostro magazine aziendale, distribuito in occasione della seconda edizione del CEMI (Commodities Exchange Milano), lo raccontiamo, in maniera semplice ma non semplicistica. Sostenibilità e qualità sono le facce della stessa medaglia, anzi ancora di più: oggi non è più possibile pensare di produrre senza farlo in maniera sostenibile. Lo chiedono il mercato e i consumatori, ma lo chiede soprattutto il nostro pianeta, che ha estremo bisogno di cura.

In Cereal Docks, qualità, sostenibilità e tracciabilità si integrano in maniera molto forte e sempre con la volontà di rispondere alle esigenze dell’industria cliente e, in ultima istanza, dei consumatori. È attivo un sistema di gestione che controlla l’origine del prodotto fin dal campo di coltivazione, la qualità viene controllata lungo tutte le fasi produttive e sottoposta a verifica di Enti terzi che ne certificano la rispondenza ai più severi standard internazionali. Il mercato chiede sempre più garanzie di prodotti sicuri, tracciati e di origine certificata: per questo, l’impegno in sicurezza, qualità, sostenibilità dal seme alla tavola è costante, grazie anche alle sinergie tra i dipartimenti aziendali dedicati a qualità e sostenibilità. La cultura della qualità è forte a tutti livelli aziendali: l’adesione volontaria a numerosi schemi di certificazione ha portato ad un notevole aumento degli audit lungo tutta la filiera di produzione, come testimonia il Bilancio di Sostenibilità che nel 2017 attesta 192 verifiche su qualità e sostenibilità nell’ambito del Gruppo. Un impegno in linea con la crescita del numero di certificazioni: una soltanto nel 2003 per arrivare alle 30 totali di oggi.

Questo patrimonio oggi si arricchisce, grazie al contributo dell’innovazione e delle tecnologie dell’agricoltura 4.0.

Un ritorno alle origini ma anche una grande opportunità per rafforzare il legame tra le eccellenze agroalimentari italiane e il loro territorio. Questo legame deve diventare sempre più forte, per dare al consumatore finale maggiori garanzie. La ricetta che dà valore alle eccellenze italiane dell’agri-food è composta da più ingredienti: sostenibilità e tracciabilità, sicurezza, qualità, attenzione al benessere dell’ambiente e delle persone.  Sostenibilità anche dal punto di vista economico per assicurare il giusto reddito agli agricoltori, al sistema produttivo e all’economia del territorio, favorendo la coesione sociale delle comunità.

La prima filiera Cereal Docks con queste caratteristiche è stata quella del mais bianco, a cui si sono aggiunte nel tempo le filiere della soia e del girasole da cui si ricavano qualificate proteine vegetali e oli vegetali utilizzati, tra l’altro, nell’industria alimentare e in alcune filiere di eccellenza del made in Italy, per le quali è garantita la tracciabilità dell’alimento dal produttore al prodotto finito (carne, latte, formaggi) con particolare riguardo all’alimentazione del bestiame.

Ora, la tracciabilità di filiera fa un altro passo avanti: oltre a garantire la nazionalità del prodotto le filiere certificano anche la regione di origine: frumento e mais giallo coltivati in Veneto o in Friuli-Venezia Giulia.

L’esperienza e il know-how acquisiti nel tempo fanno sì che il sistema filiere Cereal Docks sia replicabile anche per altre tipologie di colture, confermando così il ruolo di ‘anello di congiunzione’ tra agricoltura, industria di trasformazione e, di riflesso, cliente finale.

Cereal Docks Campus, call aperta

Mantegna Academy, la scuola d’impresa del Gruppo Cereal Docks, ha aperto la call per il suo primo campus dedicato agli studenti che si stanno avvicinando al conseguimento della laurea magistrale.

Continua

Il nostro olio di girasole altoleico per le sardine di Barbano

Cereal Docks trova una nuova occasione di vicinanza al suo territorio. L’opportunità questa volta è data da una storica manifestazione culinaria che da anni allieta l’inizio dell’estate della provincia di Vicenza.

Continua

Focus sulle Reti Innovative Regionali

,

Cereal Docks è una delle 47 aziende che partecipano, insieme a 9 Istituzioni di Ricerca, alla rete innovativa regionale RIBES-Nest, una delle principali per numeri e ampiezza dei settori produttivi rappresentati (Agroalimentare, Agroindustriale, Salute & Benessere e R&D), con un fatturato complessivo stimato di 8 miliardi di euro e oltre 12 mila dipendenti.

Continua

Nuova certificazione, direzione Germania

La presenza di Cereal Docks nel mercato europeo diventa più forte grazie ad una nuova e importante certificazione acquisita dagli stabilimenti di Camisano Vicentino e Portogruaro.

Continua

28 giugno: arte in azienda con il Palladio

,

Si avvicina l’appuntamento con il secondo incontro di “Carta Bianca – l’arte in azienda” promosso da Mantegna Academy, in programma venerdì 28 giugno, a partire dalle ore 18.00 nella nuova sede del Gruppo Cereal Docks in via dell’Innovazione 1 a Camisano Vicentino.

Continua

Portogruaro, rinasce lo stabilimento ex Pansac

Si aprono concrete prospettive di rinascita per lo stabilimento ex Pansac di Summaga di Portogruaro.

Continua

Città di Vicenza, per il Camisano è doppietta!

Doppia festa per il Cereal Docks Camisano S. Maria al torneo Città di Vicenza, le cui fasi finali sono andate in scena lo scorso fine settimana allo stadio Romeo Menti di Vicenza. Continua

Cereal Docks nel direttivo COCERAL

Nuovo direttivo per COCERAL. L’associazione europea che rappresenta il comparto dell’approvvigionamento, della distribuzione, dell’importazione ed esportazione di materie prime agricole, ha eletto il nuovo presidente e i due vice con mandato per il biennio 2019-2021. Alla presidenza sale Philippe Mitko, di InVivo, mentre alla vicepresidenza, insieme a Zsolt Kocza di Cargill, è stato eletto il CEO di Cereal Docks International, Giorgio Dalla Bona.

Continua

Riforma PAC: incontro con Paolo De Castro

,

Per l’Italia la PAC vale circa 7 miliardi di euro all’anno, sufficienti a giustificare l’estrema attenzione della politica e del mondo agricolo. Tanto più che mai come in questo periodo storico attività agricola, attività agroindustriale e qualità dell’alimentazione sono al centro dell’interesse dei consumatori, ovvero di coloro che determinano gli orientamenti del mercato.

Continua